ILVA, che ne pensano i sovranisti?

Forum di discussione sulla politica italiana, i partiti e le istituzioni.
cuneoman
Messaggi: 709
Iscritto il: 16 ago 2019, 23:39

ILVA, che ne pensano i sovranisti?

Messaggio da leggere da cuneoman » 18 nov 2019, 15:21

Ok, è l'ennesimo post su ILVA, ma vorrei sapere anche i pareri dei sovranisti e nazionalisti, in base alle ultime notizie di questi giorni.

Togliamo un attimo dal discorso l'importantissima inprocessabilità penale, prendiamo gli altri fatti, se si confermeranno veritieri:

- AM ha detto che in ogni caso vuole scindere il contratto
I- AM non paga gli stipendi ai fornitori da mesi
- AM ha svuotato i magazzini dei prodotti finiti e ora anche semilavorati/materie prime
- AM ha spostate le ordinazioni italiane sugli stabilimenti produttivi esteri
- AM ha deciso di spegnere gli altoforni, anche se è solo in affitto, anche se questo vorrebbe dire annientare un'azienda di cui non è proprietaria.

Ora, il discorso è ben più complesso, ma mi aspetterei dai partiti sovranisti e dai loro elettori qualche attacco in più a ILVA anzichè reggergli il gioco, anche se porta voti, anche se delle colpe ci sono.... A me non sembra che ILVA sia una vittima e non penso che qui l'Italia si faccia rispettare come Craxi a Sigonella, sembriamo più i fratelli Marx!! E mentre ci piantano un coltello di 30 cm tra le scapole nella schiena sento dei litigi come in "Il dottor Stranamore" di Kubrick (gran bel film).
Ma i sovranisti non dovrebbero pensare all'Italia e agli italiani?
Qualcosetta Meloni lo ha detto, ma è difficile chiedere aiuto a un Europa liberista, specie da parte di un partito sovranista che fino al giorno prima lo insultava. Perchè se qualcuno crede che l'Italia da sola sia più forte, poi non si può lamentare se da sola non riesce a fare niente... Questi sono problemi puramente italiani creati dall'Italia, l'Europa può fare qualcosa, ma non ne è certo tenuta, sarebbe una invasione di campo...e anche un po di sovranità

Avatar utente
heyoka
Messaggi: 1404
Iscritto il: 10 giu 2019, 11:41

Re: ILVA, che ne pensano i sovranisti?

Messaggio da leggere da heyoka » 18 nov 2019, 16:45

Regionalizzazione.
Con compartecipazione dei lavoratori.

cuneoman
Messaggi: 709
Iscritto il: 16 ago 2019, 23:39

Re: ILVA, che ne pensano i sovranisti?

Messaggio da leggere da cuneoman » 18 nov 2019, 17:24

heyoka ha scritto:
18 nov 2019, 16:45
Regionalizzazione.
Con compartecipazione dei lavoratori.
Parmalat durante la crisi era solida, poteva anche essere acquistata dai lavoratori. Qui dopo la salute, la terra, gli stipendi, vogliamo anche affibbiargli i debiti, conversioni e bonifiche?

Avatar utente
carletto3
Messaggi: 981
Iscritto il: 25 giu 2019, 2:20

Re: ILVA, che ne pensano i sovranisti?

Messaggio da leggere da carletto3 » 18 nov 2019, 19:08

cuneoman ha scritto:
18 nov 2019, 17:24
heyoka ha scritto:
18 nov 2019, 16:45
Regionalizzazione.
Con compartecipazione dei lavoratori.
Parmalat durante la crisi era solida, poteva anche essere acquistata dai lavoratori. Qui dopo la salute, la terra, gli stipendi, vogliamo anche affibbiargli i debiti, conversioni e bonifiche?
Sì.....che intervenga lo Stato e che metta i soldi per continuare la produzione e fare le bonifiche....non è difficile!!
L'Europa vada a fare in culo!!!!
L'ILVA non è la Parmalat.....il latte lo produciamo in abbondanza quasi a gratis...l'acciaio no!
La realta' è solo un'allucinazione dovuta a carenza di alcol (...un saggio)

Avatar utente
Alfa
Messaggi: 1490
Iscritto il: 8 giu 2019, 16:35

Re: ILVA, che ne pensano i sovranisti?

Messaggio da leggere da Alfa » 18 nov 2019, 19:28

I soldi per le banche tedesche l'europa li "dona".......ma che ci stiamo a fare noi, il bancomat e basta?

Avatar utente
serge
Messaggi: 488
Iscritto il: 9 giu 2019, 8:58

Re: ILVA, che ne pensano i sovranisti?

Messaggio da leggere da serge » 19 nov 2019, 10:43

carletto3 ha scritto:
18 nov 2019, 19:08
cuneoman ha scritto:
18 nov 2019, 17:24
heyoka ha scritto:
18 nov 2019, 16:45
Regionalizzazione.
Con compartecipazione dei lavoratori.
Parmalat durante la crisi era solida, poteva anche essere acquistata dai lavoratori. Qui dopo la salute, la terra, gli stipendi, vogliamo anche affibbiargli i debiti, conversioni e bonifiche?
Sì.....che intervenga lo Stato e che metta i soldi per continuare la produzione e fare le bonifiche....non è difficile!!
L'Europa vada a fare in culo!!!!
L'ILVA non è la Parmalat.....il latte lo produciamo in abbondanza quasi a gratis...l'acciaio no!
Ancora un intervento dello Stato!!! Ma non è lo stesso proprietario che a suo tempo si "liberò" della palla al piede?
Beer4
Si è sempre responsabili di quello che non si è saputo evitare (J.P. Sartre)

Avatar utente
Gasiot
Messaggi: 683
Iscritto il: 8 giu 2019, 22:01

Re: ILVA, che ne pensano i sovranisti?

Messaggio da leggere da Gasiot » 19 nov 2019, 11:01

Ormai è accertato che lo stato non è in grado di fare impresa , e non solo lo stato,ma in ogni ordine e grado fino ai piccoli comuni ,il lavoro come impresa è delegato ad altri
Nel caso della produzione di acciaio l'unica possibilità è che gli stessi clienti importanti italiani che usano acciaio per le loro lavorazioni si prendano in mano anche la produzione
almeno loro sono un pò del mestiere , sanno quel che vogliono ed hanno interesse a avere qui un fornitori di materia prima che non monopolizzino il prezzo
Lo stato come socio di minoranza ci può stare ,basta che non ci infili dentro i soliti incompetenti in materia
“Se un uomo è uno stupido, non lo emancipi dalla sua stupidità col mandarlo all'università. Semplicemente lo trasformi in uno stupido addestrato, dieci volte più pericoloso.”
DESMOND BAGLEY

Avatar utente
serge
Messaggi: 488
Iscritto il: 9 giu 2019, 8:58

Re: ILVA, che ne pensano i sovranisti?

Messaggio da leggere da serge » 19 nov 2019, 11:16

Gasiot ha scritto:
19 nov 2019, 11:01
Ormai è accertato che lo stato non è in grado di fare impresa , e non solo lo stato,ma in ogni ordine e grado fino ai piccoli comuni ,il lavoro come impresa è delegato ad altri
Nel caso della produzione di acciaio l'unica possibilità è che gli stessi clienti importanti italiani che usano acciaio per le loro lavorazioni si prendano in mano anche la produzione
almeno loro sono un pò del mestiere , sanno quel che vogliono ed hanno interesse a avere qui un fornitori di materia prima che non monopolizzino il prezzo
Lo stato come socio di minoranza ci può stare ,basta che non ci infili dentro i soliti incompetenti in materia
Smiling Smiling Smiling
Si è sempre responsabili di quello che non si è saputo evitare (J.P. Sartre)

cuneoman
Messaggi: 709
Iscritto il: 16 ago 2019, 23:39

Re: ILVA, che ne pensano i sovranisti?

Messaggio da leggere da cuneoman » 19 nov 2019, 23:40

Gasiot ha scritto:
19 nov 2019, 11:01
Ormai è accertato che lo stato non è in grado di fare impresa , e non solo lo stato,ma in ogni ordine e grado fino ai piccoli comuni ,il lavoro come impresa è delegato ad altri
Nel caso della produzione di acciaio l'unica possibilità è che gli stessi clienti importanti italiani che usano acciaio per le loro lavorazioni si prendano in mano anche la produzione
almeno loro sono un pò del mestiere , sanno quel che vogliono ed hanno interesse a avere qui un fornitori di materia prima che non monopolizzino il prezzo
Lo stato come socio di minoranza ci può stare ,basta che non ci infili dentro i soliti incompetenti in materia
Ci sono passato professionalmente.
Al giorno d'oggi chi fa un prodotto preferisce esternalizzare tutto quello che può. E sopratutto sulle materie prime e trasporti, cercare il miglior offerente puntando al ribasso, sopratutto se si è in una posizione forte, dagli alti ordinativi. Dove i prezzi vengono trattati di continuo e a cambiare è un attimo.

Buttarsi su un'azienda che ha bisogno di ingenti investimenti e con problemi di morti diretti e indiretti è il modo migliore per perdere i soldi investiti e forse anche la società che si possiede. Insomma, non è la Chrysler o la Parmalat che erano aziende sane con i conti in rosso, qui è più l'Alitalia, cioè un'azienda che perde di continuo e ha bisogno di essere rivista da zero.
Qui ci vorrebbe qualcuno che abbia già il businness dell'acciaio, ArcelorMittal appunto.

Non è una idea sbagliata la tua, conta però che le dimensioni dell'Ilva sarebbero superiori a qualunque azienda italiana, servirebbe una cordata e quindi non poter decidere in modo autonomo in uno Stato in cui non hai la certezza legislativa, burocratica, economica...

Avatar utente
nerorosso
Messaggi: 741
Iscritto il: 8 giu 2019, 17:34

Re: ILVA, che ne pensano i sovranisti?

Messaggio da leggere da nerorosso » 20 nov 2019, 0:12

cuneoman ha scritto:
19 nov 2019, 23:40
Gasiot ha scritto:
19 nov 2019, 11:01
Ormai è accertato che lo stato non è in grado di fare impresa , e non solo lo stato,ma in ogni ordine e grado fino ai piccoli comuni ,il lavoro come impresa è delegato ad altri
Nel caso della produzione di acciaio l'unica possibilità è che gli stessi clienti importanti italiani che usano acciaio per le loro lavorazioni si prendano in mano anche la produzione
almeno loro sono un pò del mestiere , sanno quel che vogliono ed hanno interesse a avere qui un fornitori di materia prima che non monopolizzino il prezzo
Lo stato come socio di minoranza ci può stare ,basta che non ci infili dentro i soliti incompetenti in materia
Ci sono passato professionalmente.
Al giorno d'oggi chi fa un prodotto preferisce esternalizzare tutto quello che può. E sopratutto sulle materie prime e trasporti, cercare il miglior offerente puntando al ribasso, sopratutto se si è in una posizione forte, dagli alti ordinativi. Dove i prezzi vengono trattati di continuo e a cambiare è un attimo.

Buttarsi su un'azienda che ha bisogno di ingenti investimenti e con problemi di morti diretti e indiretti è il modo migliore per perdere i soldi investiti e forse anche la società che si possiede. Insomma, non è la Chrysler o la Parmalat che erano aziende sane con i conti in rosso, qui è più l'Alitalia, cioè un'azienda che perde di continuo e ha bisogno di essere rivista da zero.
Qui ci vorrebbe qualcuno che abbia già il businness dell'acciaio, ArcelorMittal appunto.

Non è una idea sbagliata la tua, conta però che le dimensioni dell'Ilva sarebbero superiori a qualunque azienda italiana, servirebbe una cordata e quindi non poter decidere in modo autonomo in uno Stato in cui non hai la certezza legislativa, burocratica, economica...
Tornare all'IRI di mussoliniana nonchè primorepubblicana memoria?
PATRIA O MUERTE!!!

(Fidel Castro)

Rispondi